FLC CGIL  VERONA

federazione lavoratori della conoscenza

IV CONGRESSO FLC CGIL VERONA

La FLC di Verona ha concluso oggi il suo congresso provinciale che ha visto una partecipazione sostanziosa di nuovi protagonisti.

Al termine dopo aver votato Direttivo ed Assemblea degli iscritti, ha rieletto

BEATRICE PELLEGRINI

segretaria della FLC CGIL di Verona

Alla nostra segretaria gli auguri di tutti gli iscritti.

 La relazione della segretaria generale

Il 26 marzo 2014 si è conclusa positivamente, e rapidamente, con la sottoscrizione dell’ipotesi di contratto, la trattativa al MIUR sul rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale Integrativo (CCNI) sulle utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA della scuola per l’anno scolastico 2014/2015.

La sottoscrizione è avvenuta con largo anticipo, rispetto allo scorso anno, a testimonianza dell’efficacia e rapidità delle relazioni sindacali in materie di utilizzo e gestione del personale da parte dei sindacati tutti.
Ora vedremo quanto impiegherà l’amministrazione per espletare le procedure previste dal DLgs 165/01,come modificato dal DLgs 150/09, per avere l’autorizzazione alla firma definitiva.

Sintesi di alcuni punti salienti e novità

Poche le novità significative rispetto al contratto dello scorso anno. Tra queste:

  • l’avere ridotto da 5 a 3 anni il blocco nelle assegnazioni provvisorie per altra provincia nei confronti dei docenti neo assunti;
  • avere previsto la possibilità per il personale senza sede di presentare la domanda di utilizzazione (per 1 anno) nel caso in cui venga loro assegnata la sede di titolarità d’ufficio;
  • l’utilizzo, anche d’ufficio, dei soprannumerari o Dop, in un “solo” grado di scuola in base al titolo in possesso;
  • il diritto, anche per il docente di religione cattolica utilizzato nel 2013-2014 in diversa scuola da quella dell’anno precedente per carenza di posti, ad essere utilizzato con precedenza nella scuola in cui si trovava nel 2012-2013 nel caso in cui si dovesse ricreare il posto;
  • inserito l’ordine delle operazioni che dovrà seguire l’amministrazione ai fini dell’utilizzo dei docenti a tempo indeterminato nei licei musicali e coreutici in attuazione di quanto previsto nel contratto (art. 6-bis); precisato meglio anche chi ha diritto a fruire della conferma sul posto, o frazione oraria, di utilizzo nell’anno in corso; è stato chiarito che può presentare domanda di utilizzo anche chi è titolare su posto di sostegno (se in possesso dei requisiti) ma a condizione che abbia concluso l’obbligo quinquennale di permanenza sul sostegno;
  • chiarito sia per il personale docente, che per il personale ATA, che la precedenza nelle utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie per chi ha un/a figlio/a di età inferiore a tre anni spetta ad entrambi i genitori (e non in alternativa).

La tabella di valutazione dei punteggi è la stessa allegata al Ccni sui trasferimenti per le parti relative alla mobilità d’ufficio e con le consuete precisazioni previste all’art. 1 commi 6 e 7.

News inserita il: 03/05/2014

 

 

NO ALLA ESCLUSIONE DEI BAMBINI DAL SERVIZIO MENSA

LA STRUTTURA DI COMPARTO NAZIONALE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA FLC CGIL
 
Esprime  profondo dissenso rispetto alla decisione  dell’Amministrazione comunale di Lodi di escludere dal servizio di mensa scolastica i bambini stranieri extracomunitari perché le loro famiglie non sono in grado di dimostrare di essere in condizione di indigenza   anche nel Paese di origine.
Mentre a tutti gli altri utenti italiani e stranieri provenienti da paesi UE viene richiesta una semplice autocertificazione, proprio agli utenti più deboli si richiede una certificazione che essi non sono in grado di produrre e si consuma così una delle più gravi e odiose discriminazioni, in violazione dei  più elementari diritti  di inclusione e protezione  che la Costituzione  italiana e il diritto internazionale riconoscono incondizionatamente all’infanzia, specie se in situazione di disagio e povertà.
 
La scuola pubblica  italiana è luogo simbolo di democrazia,  inclusione e accoglienza e non deve trasformarsi, proprio per i soggetti più bisognosi di protezione,  in  luogo di discriminazione e separazione. 
Non è questo l’ambiente in cui far crescere le giovani generazioni. 
 
I dirigenti scolastici della FLC CGIL chiedono perciò al Ministro dell’Istruzione un intervento immediato affinché siano riammessi a fruire della mensa tutti i bambini di Lodi esclusi, a difesa del loro diritto allo studio  e di quello di tutte le bambine e i bambini che frequentano le scuole della Repubblica, comprese quelle del comune di Lodi e di ogni altro comune italiano, nel rispetto della Costituzione italiana, delle finalità educative del sistema scolastico italiano, delle  specifiche Linee guida del MIUR per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri, del diritto di tutte le bambine e i bambini a vivere  un’esperienza educativa serena e felice. 
 
I dirigenti scolastici della FLC CGIL invitano infine tutte le strutture della FLC CGIL,  tutti gli iscritti e tutti i cittadini vicini al mondo della scuola a condividere  con la loro firma  l’appello al Ministro dell’Istruzione, in difesa dei valori costituzionali della democrazia, dell’inclusione, del diritto allo studio per tutti.

https://www.change.org/p/ministro-dell-istruzione-appello-al-ministro-dell-istruzione?recruiter=905598344&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink&utm_campaign=share_petition

Visualizza l'annuncio nel sito