FLC CGIL  VERONA

federazione lavoratori della conoscenza

Prosegue l'incredibile vicenda della scuola dell'infanzia del Comune di Verona.

Fin dagli anni '50 alle scuole dell'infanzia del Comune di Verona venivano applicate le stesse regole della scuola statale. Dopo la contrattualizzazione del rapporto di lavoro anche per i dipendenti pubblici, la situazione è stata codificata nel 1997 con un contratto sottoscritto da Comune di Verona ed Organizzazioni sindacali della scuola.

Nel 2010 l'Amministrazione è intervenuta modificando unilateralmente le condizioni contrattuali ed è stata condannata dalla magistratura per attività antisindacale. La condanna è stata confermata nel gennaio 2013 dalla Corte d'Appello di Venezia.

Nel dicembre 2012 l'amministrazione comunale è nuovamente intervenuta, stravolgendo unilateralmente sia le condizioni contrattuali delle lavoratrici sia l'organizzazione delle sezioni, causando un nettissimo peggioramento della qualità del servizio e provocando anche le proteste dei genitori, più volte riportate dalla stampa locale.

Le lavoratrici, sostenute da FLC CGIL, CISL scuola, UIL scuola e Snals,  sono state costrette a ricorrere ancora una volta alla magistratura per veder riconoscere i propri diritti e, ancora una volta, il 9 gennaio, il Tribunale di Verona ha condannato il Comune a rispettare quanto aveva a suo tempo sottoscritto con le organizzazioni sindacali ed al pagamento delle spese processuali.

Sorge spontanea una domanda: quante condanne dovrà ancora subire, quante altre decine di migliaia di euro dei cittadini dovranno essere dilapidate in avvocati e spese processuali prima che l'amministrazione comunale realizzi che gli accordi vanno rispettati, che i diritti delle lavoratrici e dei bambini non possono essere impunemente violati?

Allegati

Dispositivo della sentenza

Comunicato sindacale unitario



News Correlate

Categorie

     docenti, normativa, scuola non statale

News inserita il: 21/02/2014